Decidiamolo Insieme

Il buon esempio parte dal basso. Con noi la democrazia si evolve!
Fabio D'Anna

Non cambierai mai le cose combattendo la realtà esistente.
Per cambiare qualcosa costruisci un modello nuovo che renda la realtà obsoleta.
Buckminster Fuller

Intervista

  • Come si trasforma una brava persona in caporale?

    Come si trasforma una brava persona in caporale?

    Intervista a Salvatore Cianciabella (Psicologo sociale)

    di Decidiamolo Insieme
    INTERVISTA ALL'AUTORE DEL LIBRO “SIAMO UOMINI E CAPORALI. PSICOLOGIA DELLA DISOBBEDIENZA.
    Salve prof. Cianciabella, facendo una ricerca su internet su concetti quali "obbedienza" e "disobbedienza" il motore di ricerca Google ci ha indirizzato verso un Suo libro di recente pubblicazione che, per certi versi, è in linea con i fondamenti del nostro movimento, può dirci di cosa parla e quali sono i suoi obiettivi?
    Risp: – Certamente. L'idea di scrivere un libro sulla disobbedienza nasce dalla forte motivazione di coinvolgere la gente comune su tematiche che, solitamente, per via di un linguaggio troppo scientifico, restano relegate nell’ambito puramente accademico.
    Tematiche quali?
    Risp: – L'obbedienza e, quindi, la disobbedienza. La persuasione e le “armi” per potersi difendere dai manipolatori dell’occulto che, utilizzando principi noti alla psicologia sociale, cercano di indirizzare la gente comune verso obiettivi che non sempre sono in sintonia con i reali bisogni del pubblico. Sia per fini puramente commerciale che politici.
    Osservando attentamente la copertina del Suo libro leggiamo nomi di personaggi noti come Philip Zimbardo, professore Emerito dell’Università di Stanford e Liliana De Curtis, la figlia di Totò. Possiamo sapere come è stato possibile far incontrare due personaggi "apparentemente" distanti culturalmente e geograficamente?
    Risp: – Hai detto bene: “apparentemente”. In realtà sia Zimbardo che Totò sono figli della cultura dell'Italia meridionale. Philip Zimbardo è, infatti, originario di Cammarata, provincia di Agrigento, i suoi genitori si sono trasferiti in California negli anni Trenta. E Zimbardo, come Totò è affascinato dal tema "autorità", ovvero ha cercato di dare risposte, attraverso studi e ricerche, a domande quali: "Come è possibile che una brava persona si trasformi in carnefice?", "La nostra condotta è il risultato di determinanti genetiche o è influenzata da fattori situazionali?", e se così fosse, "Com’è possibile aiutare la gente ad inibire certe forze situazionali che deviano il normale comportamento verso condotte riprovevoli?". Ho così utilizzato la storica domanda di Totò “Siamo uomini o caporali?” per cercare di tradurre in un linguaggio più semplice la questione psicologica: “La nostra condotta è esito del nostro patrimonio genetico, delle nostre disposizioni o delle situazioni entro le quali le condotte vengono agite?”. E ancora, “una volta indossata la divisa, diventati caporali, con quale frequenza gli esseri umani si trasformano in aguzzini?”. Ho così indagato su quello che Zimbardo ha definito “Effetto Lucifero”.
    Bene, molto interessante. Apprezziamo lo sforzo nell’aver saputo conciliare aspetti psicosociali a contenuti cinematografici.
    Risp: –Effettivamente non è stato affatto semplice selezionare tra oltre novanta film di Totò, ma è stato illuminante conoscere e scoprire la natura della comicità di Totò, nata appunto durante il servizio militare dove, circa un secolo fa, Totò incontrò quello che definì il “caporale per antonomasia” ed ebbe modo di tradurre la sua teoria comunicandola nel film “Siamo uomini o caporali” dove appunto afferma: “L’umanità io l’ho divisa in due categorie di persone: uomini e caporali. La categoria degli uomini è la maggioranza, quella dei caporali, per fortuna, è la minoranza. Gli uomini sono quegli esseri costretti a lavorare tutta la vita come bestie, senza vedere mai un raggio di sole, senza mai la minima soddisfazione, sempre nell'ombra grigia di un'esistenza grama.
    I caporali sono, appunto, coloro che sfruttano, che tiranneggiano, che maltrattano, che umiliano. Questi esseri, invasati dalla loro bramosia di guadagno li troviamo sempre a galla, sempre al posto di comando, spesso senza avere l'autorità, l'abilità o l'intelligenza, ma con la sola bravura delle loro facce toste, della loro prepotenza, pronti a vessare il pover’uomo qualunque”.
    Totò, quindi, condivideva con la gente comune l’idea secondo cui “Caporali si nasce!”, ovvero la nostra condotta è fortemente condizionata dalla genetica. Io mi sono permesso di correggerlo usando la chiave di lettura psicosociale che riequilibra l’interpretazione considerando l’influenza di elementi situazionali.
    Ecco, è proprio questo il punto che a noi interessa. In che senso secondo Lei, fattori situazionali e “sistemici”, come leggiamo nel Suo libro possono influenzare la condotta del singolo?
    Risp: –La teoria di Zimbardo sull’Effetto Lucifero nasce da un esperimento del 1971, noto come Stanford Prison Experiment, in cui lo psicologo americano ebbe modo di dimostrare per l’appunto, con quale facilità le forze situazionali avevano il sopravvento sui dei “bravi” ragazzi universitari, una volta assunto il ruolo di guardie, di “caporali”, direbbe Totò. Dei bravi ragazzi vessavano i loro colleghi che, sfortunatamente, per sorteggio partecipavano all’esperimento nel ruolo di prigionieri. Ecco, quell’esperimento ha mostrato tutta la sua attualità quando nel 2004 le TV di mezzo mondo mostrarono le immagini raccapriccianti di poveri soldati iracheni incappucciati e torturati dai “bravi” soldati americani, dalla “brava” vicina di casa.
    Lei, quindi, che obiettivi si pone, scrivendo su temi che, come può immaginare non posso “rallegrare” la gente comune?
    Risp: –Il punto è proprio questo. Non è evitando di conoscere il “male” che si risolvono le questioni, anzi. La consapevolezza di certe dinamiche attraverso le quali il male agisce è il primo passo per la neutralizzazione e la prevenzione di condotte violenti come, ad esempio, il bullismo. La società “civile” non può voltare la faccia dicendo “non mi appartiene” o “io non l’avrei mai fatto”. Noi non possiamo sapere come ci saremmo comportati al posto di Eichmann, al posto del “caporale” di Abu Ghraib. Se non viviamo certe situazioni, non possiamo prevedere il nostro comportamento. Quante volte ci ritroviamo a dire “non era in sé!”, “da lui non me lo sarei aspettato!”, “ma come? Il mio vicino di casa? Sembrava così tranquillo!”.
    E Lei, mi perdoni per la provocazione, cosa sta facendo per migliorare la situazione attuale in cui noi tutti, a volte ci sentiamo, disorientati?
    Risp: –Sa cosa diceva Michael Jackson? Se vuoi fare del mondo un posto migliore comincia da te stesso e cambia. La cosa più difficile è cambiare noi stessi, il nostro atteggiamento, il nostro modo di pensare. Io penso che la prima cosa da fare è cominciare a darsi da fare facendo cose che “normalmente” non facciamo. Non aspettiamo che siano gli altri ad iniziare, anche perché gli altri pensano lo stesso e cadiamo in quello che nel gergo psicologico si chiama “Effetto Bystander”, se vedo una persona in difficoltà per la strada, in una città affollata, non faccio nulla perché tanto ci sarà qualcuno ad intervenire, e quella persona paradossalmente muore, sotto gli occhi indifferenti di centinaia di passanti.
    Quindi, bisogna agire…
    Risp: –Esatto. Proprio in questi anni mi sto occupando a Prato e lo stesso sta facendo il collega Bocchiaro a Corleone di Psicologia dell’eroismo. Se aiutiamo la gente a prendere consapevolezza delle dinamiche attraverso cui il male agisce, ognuno di noi può diventare un eroe in attesa che qualcosa accada, non bisogna avere il “gene” di Madre Teresa di Calcutta per fare qualcosa di utile per la società.
    Bene, molto interessante. Cosa possiamo dire ad amici e conoscenti che si sentono in dovere di fare qualcosa?
    Risp: –Studiate e soprattutto agite, fate qualcosa, perché il bene, come il male, può essere condiviso, ed è fantastico dopo aver discusso e argomentato con tanti giovani di psicologia sociale notare che l’eroismo si può “contagiare”!
    Dove è possibile avere un contatto con Lei su questi temi?
    Risp: –Certo visitate il sito www.siamouominiecaporali.it . Scoprirete che siamo appena all’inizio, uniamo le nostre forze e forse qualcosa, davvero cambierà…buon lavoro a tutti e grazie!
    Grazie a Lei, davvero!

    Utente: DANNA

    Pubblico
    visite 332
    del 13/10/2014

  •  

  • Seleziona altri Articoli

    Altri Articoli

    Tutti gli articoli

Registrati ora!!!

Download

Login - Accedi

 

In evidenza

Documenti - Argomenti articoli

Sostienici